.
.
.

Ogi gò ciolto do pastiglie de estasi. E me sento ben come un picio de un ano.

San Giusepe ‘l gà batù sul porton el me ga dito che fora xe una bora che gela anche i cavei.

E vai col tango!

Ma no so ben se me lo go insognado opur se iero svejo.

Fato sta che me sento sai ben. E bona de Dio che ne gò ciolto solo due. Pensa se ne gavesi ciolte tre o cinque, come che iera scrito sul fojeto dele istruzioni.

Mi me par che te son mato ti. Ma forse son mato mi. No saverìa dir.

E vai col tango!

El mulo de Toni (el caligher) el se ga dà fogo. El devi esserse bevudo el zervel.

Pensar che’l se ga fumado quatordisi spinei in una sera!

Quatordisi…

E domenica Giovana no la se ga meso le mudande. La go vista mi, co’j mii oci.

Go visto la mula col culon tuto nudo che la ciapava sol mentre che la iera rampigada su un scojo de la costa de’ barbari. Un culon che no te digo. Bel per davero.

E vai col tango!

Ma forse anche questo me lo go insognà.

Cosa te vol che te digo… ma perché devo sempre rabiarme!

Go paura. Go tanta paura che se la bora no la vegnerà presto me scioperà i copi.

Mi ghe vojo ben ala bora, che tuto pulisci (te vedi che son anche poeta?). E vojo ben anche al vin.

Son ‘ndà zo sul mar. E inveze de vardar la mula col culo tuto nudo gò tacado a ‘zigar come un mato. Dopo gò vardà le ondine e dopo ancora go cambià idea su de mi. Insoma me stago convinzendo che son una merda.

E vai col tango!

A mi no me va e no me vien niente in scarsela, ma ti te la ga un’altra pastiglia de estasi?

Se te la gà butila in mar. Che a lui no ghe fa mal. Ti te buti l’estasi e mi buto via el vin.

Vien qua che te conto come che me sento ‘deso.

Te vedi che stago pianzendo?

E vai col tango!

Se te gà ancora pastiglie, scoltime, butile via. Ti te son ancora in tempo. Mi, ormai, non ghe son più con la testa. Son fora de mati.

E vai col tango!

Che forse se te buterà via le pastiglie te riverà anche a inamorarte. Te vederà… te se inamorerà.

Mi no so cosa sia l’amor, ma devi eser proprio una bela roba. Me lo gà dito un mio amico che conosevo tanto tempo fa.

Buta via l’estasi e te vederà che te se inamorerà de Giovana la culona!

Pensa che bel che devi eser tocarla… far robe sporche… meterla incinta… gaver fijòi con ela…

Buta via l’estasi mulo mio… butila via finché te son giovine.

Mi son vecio ormai, perciò buto via el vin e anche mi steso.

E vai col mambo!

.
.
.